Close

Le procedure di sicurezza e di igiene adottate nel nostro studio seguono protocolli che rispondono a standard scientificamente clinicamente convalidati.

Lo studio attua un accurato programma di sanificazione degli ambienti. Le macchine ed i prodotti utilizzati per la decontaminazione e la sterilizzazione rispondono ad elevati criteri di affidabilità. Le attrezzature vengono continuamente controllate e periodicamente sostituite con mezzi tecnologicamente più moderni.

Il nostro personale è esperto e qualificato e risponderà con cortesia ed in modo completo ad ogni richiesta, potrà mostrare la cura posta nella preparazione ed igienizzazione delle sale operatorie per ogni singolo paziente.

Il protocollo in tal senso prevede:

  • detersione e disinfezione ad ampio spettro dei piani di lavoro e del riunito-poltrona
  • predisposizione dei presidi monouso e di protezione per il paziente e gli operatori
  • sistemazione dello strumentario sterile specifico per il trattamento

Al termine della cura ha inizio il riordino dell’attrezzatura che prevede lo smaltimento del materiale monouso,la decontaminazione e la sterilizzazione della strumentazione.

Le procedure di sterilizzazione prevedono:

  • decontaminazione tramite immersione per un tempo adeguato in soluzione disinfettante efficace contro i virus di AIDS ed EPATITE
  • lavaggio degli strumenti e trattamento con ultrasuoni
  • confezionamento in buste sigillate che permetteranno di mantenere la sterilità una volta eseguito il ciclo di sterilizzazione
  • sterilizzazione vera e propria con una AUTOCLAVE tecnologicamente avanzata a vuoto frazionato in grado di sterilizzare strumenti “cavi” quali i manipoli rotanti (trapani) che non venivano efficacemente sterilizzati nelle autoclavi di vecchia generazione

Le autoclavi vengono sottoposte dopo ogni ciclo a severi test per comprovarne il corretto funzionamento. Fra questi ricordiamo il Test di Bowe Dick, il test del vuoto, test microbiologici (GKE) che prevedono l’incubazione di una coltura per avere la certezza di una efficace sterilizzazione anche contro le spore. Vengono così garantiti i parametri richiesti nella farmacopea degli Stati Uniti (USP) XXIII/EN866 e dell’EUROPA ISO 11138.

  • etichettatura delle buste contenenti gli strumenti sterilizzati con verifica dell’avvenuta sterilizzazione e registrazione in un apposito registro del ciclo di sterilizzazione eseguito.

Stoccaggio delle buste sterili in spazi dedicati fino al momento dell’utilizzo.

Print Friendly, PDF & Email