Close

roncopatia cura

Russare durante il sonno o roncopatia e svegliarsi per mancanza d’aria (apnea) sono patologie sempre più diffuse. Russare è fra le tante cause di divorzio perché rovina la vita di chi ci dorme accanto, mentre le apnee notturne rovinano la vita del soggetto stesso che, non potendo dormire, è a più alto rischio di incidenti stradali, malattie cardiovascolari (infarto miocardico, ictus celebrale, aritmie, ipertensione) e di tutte le conseguenze di un sonno di scarsa qualità: facile affaticamento, incapacità di concentrazione, irritabilità.

Mal di testa ricorrente al mattino, tosse, disturbi alla gola come bruciore e senso di “corpo estraneo” sono sinonimi spesso associati a questa patologia. Si russa quando alcune parti della faringe (gola) vibrano per effetto dell’aria che passa troppo velocemente oppure perché nella gola ci sono strutture troppo voluminose e flaccide. L’apnea insorge quando, durante la respirazione, le pareti della faringe si avvicinano sino a impedire il passaggio dell’aria. Risolvere l’ostruzione e migliorare il flusso dell’aria durante la respirazione sono gli obbiettivi della terapia.

La corretta diagnosi e l’esatta localizzazione dell’ostruzione sono determinanti nello stabilire lo specialista più adatto e competente per risolvere l’ostacolo specifico; spesso più figure professionali sono necessarie in quanto l’ostruzione è sovente multifattoriale. L’obiettivo della terapia è aumentare lo spazio respiratorio nel tratto che va dal naso alla laringe. L’otorino, il pneumologo, il dentista, il maxillofacciale, il dietologo, il neurologo, ognuno per la loro competenza, potranno intervenire per assicurare il miglior risultato possibile. Norme igieniche quali dieta adeguata, riduzione di alcolici, sedativi ed evitare di coricarsi subito dopo il pasto, migliorano la respirazione durante il sonno. Nelle persone in sovrappeso è importante dimagrire per ridurre l’accumulo di grasso a livello delle pareti delle vie aeree migliorando così il flusso respiratorio.

Ma esistono anche alcuni presidi medici. La Cpap è una pompa che attraverso una maschera nasale ad ogni atto respiratorio fornisce una determinata quantità d’aria sotto pressione. Funziona bene se gli ostacoli al flusso respiratorio, che causano la malattia, sono molto piccoli. La persona dovrà adattarsi al rumore del dispositivo ed al getto d’aria a livello nasale ed alla pressione della maschera nasale stessa.

L’Oral Device trova la sua indicazione quando l’ostacolo al flusso respiratorio è determinato da una posizione retrusa o verticalizzata della lingua che riduce lo spazio aereo fra la base della lingua e la parete posteriore della faringe. Queste persone hanno una mandibola piccola e/o retrusa. L’Oral Device è una placca liscia, costituita da una parte superiore ed una inferiore unite da due telescopiche in acciaio, ammortizzate e regolabili che permettono di muovere la mandibola. Determina un aumento dello spazio aereo della faringe eliminando o riducendo l’ostacolo al passaggio dell’aria determinato. È comodo ed è costruito in materiale atossico e anallergico.

Il trattamento ortodontico si ipotizza se la posizione dei denti e della mandibola a fine cura è tale da permettere una adeguata ventilazione della faringe. L’ortodonzia spesso è preliminare a un intervento di chirurgia ortognatica da decidere con il chirurgo maxillofacciale.

La Teleradiografia in LL permette di valutare preventivamente l’efficacia dell’Oral Device che si andrà a realizzare permettendo di misurare lo spazio aereo fra la base della lingua e la parete posteriore della faringe. La terapia medica può essere di supporto al trattamento chirurgico che mira ad eliminare l’ostacolo al flusso respiratorio a livello del naso e della faringe. I trattamenti chirurgici sono di competenza dell’otorino se l’ostruzione è nel naso o nella gola o del chirurgo maxillofacciale se per creare spazio si dovranno spostare i mascellari. La collaborazione fra gli esperti è determinante per raggiungere il risultato desiderato e la soddisfazione dell’interessato.

Questo articolo è stato pubblicato sulla rivista Dirigenti Nordest di gennaio-febbraio 2016

Prenota un appuntamento

Il dottor Carlo Casato e il suo staff sono pronti a occuparsi della tua salute orale con strumenti all’avanguardia e competenze di altissimo livello. Le sedi dell’ambulatorio sono a Verona, in via Leone Pancaldo 76, e a Mantova, in via Giovanni Acerbi 2. Prenota una visita chiamando i numeri 045 8101710 per Verona e 0376 362515 per Mantova, inviando un’e-mail all’indirizzo info@carlocasato.it o compilando il form di contatto.  

 
*Spunta la casella per accettare la Privacy Policy
 
Print Friendly, PDF & Email

Aggiungi un Commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. Campi Obbligatori *