Close

Il nostro corpo ha diversi punti di appoggio; tra i principali annoveriamo i piedi e il sedere, ma, anche se può non sembrare, la dentatura, quando questa è completa. Per i muscoli avere un punto di appoggio è necessario per lavorare e funzionare correttamente senza affaticarsi. L’appoggio però deve essere collocato correttamente.

Possiamo comunemente osservare come si modifica il modo di camminare quando usiamo solo una scarpa anziché due e come il corpo compensi la differente lunghezza delle gambe con lo slivellamento del bacino e delle spalle, che provoca una curvatura della colonna vertebrale, affinché il corpo possa mantenere la posizione eretta. Dobbiamo immaginare il nostro corpo un po’ come i metri di legno pieghevoli. Se i segmenti sono allineati il metro è diritto, se invece sono angolati fra di loro il metro è più  corto e si presenta a zig-zag.

Se trasferiamo quest’immagine al nostro corpo, quando i suoi segmenti sono ben allineati i muscoli che li fanno muovere lavoreranno con minor sforzo rispetto a quando i segmenti sono angolati tra loro. Un esempio può essere il portare un peso tenendolo con le braccia tese e orizzontali davanti al corpo o allineate verticalmente lungo il corpo stesso. La nostra posizione condiziona lo sforzo muscolare e, se i muscoli lavorano male o troppo, dopo breve tempo risulteranno indolenziti e doloranti.

La testa è la porzione più pesante del nostro corpo ed è sorretta dai muscoli del collo e da quelli masticatori che sono i loro antagonisti. La posizione corretta del capo rispetto al corpo è allineata ad esso, le orecchie, per avere un riferimento, dovrebbero essere allineate sopra alle spalle. Spesso la testa invece è in una posizione anteriore alle spalle ed il collo è inclinato anteriormente. Questa posizione viziata costringe i muscoli del collo ed i loro antagonisti, i muscoli della masticazione, ad un iper lavoro che è all’origine della cefalea muscolotensiva e dei dolori in sede cervicale. Spesso questi dolori vengono erroneamente diagnosticati come artrosi cervicale.

L’ipertensione dei muscoli del collo può essere causata, oltre che da posture viziate, anche da parafunzioni masticatorie cioè l’abitudine di digrignare i denti (bruxismo).

Altre abitudini viziate determinano un iper lavoro muscolare, come il mangiarsi le unghie o le pellicine ai lati delle stesse, masticare la penna o il labbro, eccetera. I denti stessi, se non sono posizionati correttamente, possono essere un ostacolo che l’organismo tende a ridurre. Una situazione di questo tipo si ha in presenza di un morso profondo dentale (deep bite) o di un morso crociato (cross bite). Queste sono le malocclusioni più frequenti, con accavallamento dei denti, a causa di uno spazio insufficiente che impedisce alle due arcate dentali di chiudersi in modo corretto. A volte, per ovviare al disallineamento, possono essere necessari interventi di estrazione dei denti.

Anche il frenulo linguale corto e la deglutizione atipica, che ne può essere la conseguenza, determina un uso scorretto della lingua nella deglutizione attivando una catena di muscoli che possono determinare dolori cervicali scambiati in genere per la cosidetta “cervicale”. Il frenulo linguale corto obbliga la lingua a rimanere bassa nella bocca e nella deglutizione. Di conseguenza la lingua va a spingere contro i denti anteriori anziché contro il palato. Risolvere queste situazioni può essere semplice se si individua la loro origine.

La collaborazione fra l’Osteopata, il Posturologo, il Dentista, il Logopedista da una parte e il Paziente dall’altra, è fondamentale. Il dentista, in particolare, è specializzato nel riconoscere queste  meccaniche muscolari e può, di conseguenza, coordinarsi con gli altri professionisti per dare al paziente una diagnosi corretta e consigliare le migliori cure. Il paziente, dal canto suo, dovrebbe sottoporsi a visite periodiche senza trascurare i sintomi con i quali, magari, convive da tempo.

Questo articolo è stato pubblicato sulla rivista Dirigenti Nordest di giugno 2017

 

Prenota un appuntamento

Il dottor Carlo Casato e il suo staff sono pronti a occuparsi della tua salute orale con strumenti all’avanguardia e competenze di altissimo livello. Le sedi dell’ambulatorio sono a Verona, in via Leone Pancaldo 76, e a Mantova, in via Giovanni Acerbi 2. Prenota una visita chiamando i numeri 045 8101710 per Verona e 0376 362515 per Mantova, inviando un’e-mail all’indirizzo info@carlocasato.it o compilando il form di contatto.

 
*Spunta la casella per accettare la Privacy Policy
 
Print Friendly, PDF & Email

Aggiungi un Commento

Il tuo indirizzo e-mail non sarà pubblicato. Campi Obbligatori *